materassi e cuscini esclusivi Beltalia e altri consigli per il sonno

Consigli per il sonno

Materasso e cuscino di qualità sono fondamentali per una riposo soddisfacente, ma ci sono anche altri fattori che possono influenzare l'effetto del nostro buon dormire e di riflesso della nostra giornata.
Beltalia ci tiene ad avere clienti sempre riposati e per questo vi indichiamo alcuni consigli che possono migliorare il vostro sonno:

  •  dormire almeno 7-8 ore al giorno, il nostro corpo ha bisogno di tempo per ricaricarsi ed essere pronto ad una nuova giornata;  
  •  la sera mangiare alimenti come pane, pasta, orzo, riso che favoriscono il sonno perché contengono triptofano, il quale aiuta la sintesi della serotonina (il neurotrasmettitore che stimola il rilassamento), evitando invece cibi   che attivano i centri della veglia, come cioccolato, cacao, tè e caffè, e cibi con eccesso di sodio; 
  • evitare il fumo di tabacco nelle ore serali: l’assunzione di nicotina ha effetti eccitanti sul sistema nervoso centrale. Inoltre il fumo ha effetti irritanti e congestionanti sulle vie respiratorie e può quindi favorire la comparsa di disturbi respiratori durante il sonno; 
  • evitare di assumere nelle ore serali bevande alcoliche, in quanto pur provocando sonnolenzo, tale effetto svanisce rapidamente e comporta risvegli nel corso del riposo notturno;
  • far passare qualche ora tra la cena e il momento di coricarsi sul proprio materasso, senza però esagerare, infatti andando a letto troppo tardi si causa una diminuzione del sonno profondo;
  • cercare di seguire il più possibile degli orari regolari nell'addormentarsi e nello svegliarsi;
  • evitare di utilizzare il letto per guardare lo smatphone, la televisione o lavorare; la camera da letto deve essere il luogo in cui si stabilisce quella condizione di relax capace di favorire l’inizio ed il  mantenimento del sonno;
  • evitare i sonnellini pomeridiani, riducendoli al massimo a 30 minuti;
  • evitare di praticare sport poco prima di coricarsi, al contrario l'attività lontana dal sonno incide positivamente e fa dormire meglio;
  • anche se il posticipare la sveglia la mattina può apparentemente dare un sollievo psicologico, sarebbe da evitare in quanto il riaddormentarsi fa ripartire il ciclo del sonno profondo, e anche solo 10 minuti possono farti svegliare poi in maniera più difficoltosa;
  • la stanza in cui si dorme deve essere confortevole ed adatta al sonno: sufficientemente buia, silenziosa, con una temperatura ottimale ( l'ideale sarebbe sui 19°C);

‚ÄčLa posizione più comoda per dormire

Materassi e cuscini Beltalia, posizioni per dormire

Una corretta posizione per dormire prevede che il materasso sostenga ogni parte del corpo in maniera adeguata e che mantenga
la colonna vertebrale nella sua forma naturale che ha in posizione eretta.
In caso di materasso inadeguato si è costretti ad una continua ricerca della posizione più comoda, con conseguenti risvegli 
incessanti durante la notte che compromettono la qualità del sonno.
Le posizioni più frequentemente assunte per dormire sono la prona (a pancia in giù), la supina (sulla schiena) e 
la laterale, generalmente la preferita dalla maggior parte delle persone.

Vantaggi e svantaggi delle diverse posizioni:

  • Posizione prona (sconsigliata)
Corretta per la distribuzione dei pesi, è la peggiore in relazione alla spina dorsale, anche quando il sistema letto è di buona qualità, perché accentua la lordosi lombare (arco convesso verso il fronte del corpo nella zona lombare).
  •  Posizione supina (consigliata)
Il maggior vantaggio di questa posizione è che la superficie d’appoggio del corpo al sistema letto è la più ampia possibile, quindi la stabilità è ottimale. La spina dorsale può avere una corretta lordosi (archi convessi verso il fronte del corpo nei tratti cervicale e lombare) e cifosi (toracica e sacro-coccigea - archi convessi verso il dorso), a condizione che le caratteristiche del sistema letto siano corrette.
  •  Posizione laterale (consigliata)
La maggior parte delle persone preferisce questa postura, che non a caso è anche quella dei feti nel ventre materno e quella degli astronauti in assenza di gravità. L’unico svantaggio di questa posizione è la sua instabilità, causata dal baricentro alto. Per questo motivo le braccia e le gambe spesso vengono sfalsate allo scopo di ricercare una maggiore superficie di contatto con il sistema letto.