fbpx

Celebriamo la Giornata mondiale del Sonno!

Da più di 10 anni la Giornata mondiale del sonno si celebra il secondo venerdì di marzo prima dell’equinozio di primavera.

Sarebbe bello se oggi ci scambiassimo tutti l’augurio di una buona dormita e dedicassimo la serata a quelle azioni che possono favorire una migliore qualità del sonno e della nostra vita.

Il messaggio di questa 12° edizione promossa dalla World Sleep Society è chiaro: Healthy Sleep, Healthy AgingDormire bene per invecchiare bene.

Se vogliamo essere in forma dobbiamo quindi prenderci cura del nostro sonno che dovrebbe occupare a buon diritto 1/3 della nostra giornata ed essere al primo posto tra i nostri bisogni primari. Una consapevolezza che pochi hanno, abituati come siamo a vivere in un mondo iperconnesso, costantemente sollecitati all’azione 24/7. 

I sani principi del sonno

Secondo le indicazioni della Società mondiale del sonno che promuove e coordina le iniziative per questa giornata, i tre fattori che determinano un buon sonno sono:

  • la DURATA, le ore di sonno devono essere sufficienti a garantire il giusto riposo e uno stato di lucidità nelle ore del giorno
  • la CONTINUITÀ, non devono verificarsi interruzioni durante il sonno
  • la PROFONDITÀ, per essere ristoratore il sonno deve essere profondo e seguire le fasi regolari di sviluppo durante la notte

L’assenza di queste condizioni genera quei disturbi del sonno che prendono genericamente il nome di insonnia e possono avere un impatto molto negativo sulla nostra salute psico-fisica.

Nel mondo più del 45% della popolazione dorme poco e male, i dati sono in crescita e le ripercussioni  nel medio e lungo termine non sono da sottovalutare.

La mancanza o la scarsa qualità del sonno incidono sulla capacità di attenzione, la memoria, l’apprendimento, fino a diventare fattore di rischio per le malattie cardiache, l’obesità, l’ipertensione e il diabete. La deprivazione di sonno è causa di un indebolimento del sistema immunitario e persino di qualche forma di tumore. L’insonnia cronica è inoltre associata all’insorgenza del disturbo depressivo, allo sviluppo di ansie e psicosi.

Buone notizie e consigli

La buona notizia da parte della Società del sonno è che molti disturbi possono essere curati e trovare una soluzione, ma meno di 1/3 del popolo degli insonni cerca un supporto professionale e preferisce affidarsi ai farmaci ipnotici.

A questo punto anche noi potremmo proporvi il solito decalogo per un buon sonno che altri hanno più autorità per fare e ai quali cediamo volentieri il posto:

10 Commandments of Sleep Hygiene for Adults

Il contributo di Beltalia

Riteniamo più utile dare il nostro contributo a questo tema focalizzando l’attenzione su due aspetti del problema che sono all’origine dell’approccio di Beltalia alla cura di questo bisogno primario attraverso il materasso massaggiante.

Stress e tecniche di rilassamento

Nella vita adulta molti disturbi del sonno sono determinati dai ritmi incalzanti e frenetici della quotidianità, dalla continua necessità di fare fronte a situazioni conflittuali o di incertezza su più fronti senza potersi ritagliare un momento di relativa tranquillità per recuperare le energie fisiche e soprattutto mentali per affrontare con lo spirito giusto gli eventi.

Gli esperti parlano di insonnia da adattamento o acuta quando le condizioni di stress sono determinate da fattori esterni e hanno una durata limitata nel tempo. Almeno una volta l’anno queste condizioni si verificano e a farne le spese sono soprattuto donne e anziani senza limiti di età. Spesso però siamo costantemente sotto pressione.

Che sia una condizione limitata o prolungata nel tempo l’importanza di una terapia cognitivo comportamentale e la pratica di tecniche di rilassamento possono risultare molto efficaci contro l’insonnia, aiutandoci a costruire una barriera di benessere contro lo stress.. 

Ecco quindi i nostri suggerimenti per allontanare le preoccupazioni e predisporci a godere di un buon sonno ristoratore:

  • ascolta buona musica prima di addormentarti
  • pratica Yoga o tecniche di meditazione per liberare la mente
  • bevi infusi e tisane prima di dormire
  • fai una doccia tiepida prima di coricarti
  • ascolta e rispetta il tuo ciclo di sonno naturale (ritmo cicardiano)
  • tieni lontana la tecnologia nelle ore precedenti il sonno, che sia tv, tablet o smartphone 
  • assumi cibi leggeri evitando gli zuccheri
  • trova la temperatura ambientale ottimale 

Tutti questi princìpi meriterebbero un approfondimento, ma se continui a seguirci su questo Blog ti accompagneremo in un percorso di ricerca e costruzione della tua personale dimensione di benessere, un concetto che sta alla base della filosofia di Beltalia nell’ideazione e realizzazione del materasso massaggiante.  

La buona tecnologia

Prendiamo il buono della tecnologia e impariamo a riconoscerne gli effetti positivi. Beltalia da sempre si applica nella ricerca dei materiali innovativi e delle tecnologie più avanzate per aiutarti a raggiungere la dimensione ideale di benessere e una qualità superiore del sonno.

Recenti studi hanno dimostrato l’importanza della temperatura ambientale e corporea nell’igiene del sonno, mettendo in evidenza i risultati di alcuni materiali capaci di disperdere il calore sviluppato dal corpo durante la notte con un aumento notevole della durata e profondità del sonno.

L’utilizzo di materiali con proprietà termoregolante nella composizione del materasso massaggiante è solo uno degli esempi dell’attenzione di Beltalia all’uso della buona tecnolgia. L’innovativo sistema massaggiante integrato, che è la particolarità del materasso Beltalia, è la dimostrazione della capacità di conciliare al meglio benessere e tecnologia!

 Scopri di più sul nostro impegno per un sonno di qualità e la conquista del benessere personale su queste pagine.

Buonsonno e a presto!